Euro 2012, Prandelli suona la carica per la finale: “Spagna favorita? Noi ci siamo”

by -
0 3
Condividi su Facebook 0 Condividi su Twitter 0

Certo è che un’Italia così bella oltre che concreta non si vedeva da anni. Il gioco, garantito da un  metronomo della classe di Pirlo e dalla linea mediana costituita da De Rossi e Marchisio, c’è e se vogliamo è anche più efficace del tiki-taka spagnolo.

Getta acqua sul fuoco dei tifosi il ct Prandelli: “La Spagna favorita? Sì, però ci siamo. Abbiamo dato un esempio di attaccamento alla maglia, quando si parla di Italia dobbiamo essere sempre tutti molto attenti”.

Alla luce di queste parole si può capire lo sfogo di Gianluigi Buffon al termine della partita contro la Germania: “Ero arrabbiato perché stiamo giocando per un trofeo unico e prestigioso, quindi non dovevamo scherzare col fuoco. Se avessero segnato il 2-2, avremmo di sicuro perso la partita. Le gare vanno chiuse, stiamo giocando per la nostra nazione e dobbiamo essere più cinici”.

Balotelli come sempre ha sprecato molto nella partita contro la Germania ma ha anche realizzato una doppietta che ci ha consentito di staccare il biglietto per la finale: “E’ il giorno più bello della mia vita, calcisticamente parlando, ma spero che lo sarà ancora di più domenica”. Ad assistere al  match contro la Germania, Balotelli poteva contare su uno spettatore di fiducia: sua madre. Per la finale è atteso anche il padre. Promesse? “Dovrò fare quattro gol, Vorrei vincere la classifica cannonieri”. Bene così.

Il tecnico tedesco Joachim Low ha riconosciuto la supremazia italiana nella partita di ieri:I miei giocatori stanno piangendo nello spogliatoio. Non si possono commettere errori come abbiamo fatto in occasione dei loro gol, diventa dura poi rimontare due reti all’Italia”.

Lo spogliatoio? Non vola una mosca. C’è grande tristezza, ovvio – ha inoltre aggiunto Low – La sconfitta del 2006? Non centra, certo che perdere sempre con l’Italia fa male, la delusione è tanta”. Poi però il collega teutonico di Prandelli si lascia andare ad un pronostico: “Il favorito per la finale? Non lo so, ma penso che l’Italia ce la possa fare”. Ogni scongiuro è ben accetto.

A suonare la carica ci ha già pensato, però, Andrea Pirlo conscio del fatto che se dovesse vincere l’Europeo con l’Italia potrebbe ambire al Pallone d’oro.

“Non serve a niente arrivare a Roma e poi non vedere il Papa – ha commentato il centrocampista della Juve – Siamo convinti di fare con la Spagna una grande partita. Se vorremo avere possibilità maggiori di vittoria dovremo mettere in campo lo spirito e la voglia di battersi visti stasera e con l’Inghilterra”.

Qualcuno, già dal quarto di finale giocato contro l’Inghilterra, ha parlato di un’Italia stile Mondiale 2006. “Le sensazioni sono più o meno le stesse – ha rivelato Pirlo – C’è la stessa voglia di vincere e qualche giovane, allora, non c’era”. Nuovo avviso: gli scongiuri sono ben accetti.

 29 giugno 2012

 

Angelo Fischetti

Download PDF

NO COMMENTS

Leave a Reply