Euro 2012, l’Italia batte 2-1 la Germania ed è in finale: le pagelle

di -
0 13
Condividi su Facebook 0 Condividi su Twitter 0

Inizio primo tempo di equilibrio fra le due squadre ma la Germania sembra poter fare la gara: prima al 5’ con Pirlo che, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, salva sulla linea un tocco da due passi di Hummels, poi al 12’  quando Buffon, per respingere una palla in mezzo di Boateng dalla destra, manda su Barzagli e per poco non fa autogol. Quando tutti in Italia iniziano ad affinare le proprie tecniche di scongiuro, la squadra di Cesare Prandelli inizia a venire fuori:  prima al 16’ con Montolivo che impegna Neuer, poi con Cassano che al 18’ rientrando dalla sinistra sulla destra, cerca il palo lontano, senza riuscirci. Lo stesso Fantantonio però ha modo di rifarsi due minuti dopo quando scodella dalla destra un pallone invitante per SuperMario Balotelli che, sovrastando Badstuber, mette in rete con Neuer immobile. L’attaccante del Manchester City replica al 37’: pescato in posizione regolare da un lancio di 50 metri di Montolivo, infila il portiere tedesco sulla destra con un gran tiro. Fine primo tempo e Italia avanti per 2-0.

A inizio ripresa il ct Löw pesca la carte Klose e Reus al posto di Gomez e Podolski, invisibili per tutto il primo tempo.  È soprattutto l’attaccante del Borussia Mönchengladbach a rendersi pericoloso, al 47’, entrando in area e al 61’con una punizione sulla quale Buffon arriva in tempo. Qualche minuto prima, Prandelli aveva deciso per il cambio Diamanti – Cassano. Al 62’ un vivace Montolivo lascia il campo a un redivivo Thiago Motta. Il primo dei neo entrati cerca di sorprendere Neuer dall’enorme distanza. Di lì a poco l’Italia si divora due occasionissime: la prima al 67’ quando Marchisio fallisce il 3-0 mandando fuori dal limite dell’area; la seconda al 74′ quando spreca di fronte al portiere avversario ignorando Di Natale, entrato al posto di Balotelli al 70’, pronto per il tapìn vincente. L‘ attaccante dell’Udinese ha la possibilità di rifarsi all’81’quando, lanciato a rete in posizione regolare, sbaglia clamorosamente a tu per tu con Neuer. Il 2-0 sembra non potere essere più messo in discussione quando al 91’, l’arbitro fischia un rigore per la Germania a causa di un fallo di mani del fin qui ottimo Balzaretti. Ozil realizza il penalty e riporta i tedeschi in gara a meno di tre minuti dal termine. Proprio quando le coronarie di Cesare Prandelli rischiano di saltare, l’arbitro mette fine al match: l’Italia batte la Germania 2-1 ed è la seconda finalista del torneo dopo la Spagna, vittoriosa mercoledì contro il Portogallo. I tedeschi, invece, continuano a soffrirci come loro “bestia nera” anche se, è proprio il caso di dirlo, i giocatori di mr Löw hanno fatto proprio una figura di mer…kel.

Le Pagelle   

BUFFON 7 : Esce dal campo al termine del match infuriato, non si sa con chi o con cosa. Intervistato nel post gara ha dichiarato di essersi arrabbiato con i propri compagni perché “qui si sta giocando per qualcosa di unico e di troppo prestigioso”. “Non è giusto, per la partita fatta, soffrire negli ultimi cinque minuti e scherzare con il fuoco” ha aggiunto poi Buffon, resosi protagonista della “partita fatta”, nel bene, vedasi gli interventi al 36’ su tiro di Khedira e al 61’ su punizione precisa di Reus, e nel male come nei minuti iniziali del match quando è sembrato in preda ad ansia da prestazione. ANIMA DELLA SQUADRA

BALZARETTI 7 : Una costante spina nel fianco per i tedeschi nella fase offensiva, un utile rinforzo in quella difensiva, come per esempio al 33’quando chiude in scivolata su Gomez o all’85′ quando con un’altra diagonale difensiva chiude su Reus. FRECCIA

BARZAGLI 7+ : Gomez a fine primo tempo viene sostituito per incontestabile inisistenza in campo. Il merito? Tutto di Barzagli che lo annulla. Cerca di limitare, riuscendoci il 90% delle volte, anche quanti entrano in area di rigore italiana. Da registrare la chiusura di testa fra due avversari al 72’. INDISCUTIBILE

BONUCCI 6,5 : Inizia col freno a mano tirato poi si fa trascinare dal compagno di reparto e dallo stato di grazia della squadra. Ottima chiusura in scivolata da ultimo uomo al 55’. RIGENERATO

CHIELLINI 7 : Non doveva essere neanche in campo fino a qualche ora prima.Nonostante ciò, sfodera una gara tutta grinta e lotta, come sempre. UTILE

MARCHISIO 7- : Meno brillante del solito, soprattutto per la lucidità sotto porta. Per il 3-0 sbaglia due gol fatti, al 67’ e al 74′. Sempre pronto in fase d’interdizione, così come in quella di costruzione.  POCO LUCIDO MA NECESSARIO

PIRLO 7+ : La Germania lo fa marcare a uomo da Kroos, con Ozil e Gomez pronti a dare una mano. L’ex regista del Milan riesce però a sgattaiolare in più di un’occasione. Non brilla come sempre ma quando prende palla conduce la squadra. INIMITABILE

DE ROSSI 7,5 : Imperioso contro la Spagna, ora De Rossi potrà completare il proprio europeo giocando contro quelle Furie Rosse che lo avevano visto dettare i tempi in difesa. Da centrocampista emerge comunque e anche la prova di Varsavia testimonia il suo stato di grazia: innumerevoli i palloni recuperati. Da segnalare l’intervento di recupero palla in scivolata al 29’, così come quelli dei minuti 40 e 77. STORICO

MONTOLIVO 6,5 : Gara dinamica quella dell’ex centrocampista della Fiorentina, illuminata da sprazzi di classe paurosi come il lancio di 50 metri che mette Balotelli in condizione di segnare il gol del 2-0. Era stata una delle pochissime note liete del disastroso mondiale in Sudafrica, sta confermando di meritarsi la maglia della Nazionale. IN PALLA

(dal 19 s.t. THIAGO MOTTA 5 : L’unico che non riesce a strappare la fiducia, vuoi perché non ha conosciuto le persone giuste, vuoi perché non entra mai in partita o che ne so magari ha dei problemi propri, tipo un problema col proprio cane. Riesce nella mirabolante impresa di farsi ammonire all’88’  dopo aver toccato quasi mai palla. MA NON DOVEVAMO VEDERCI PIU’?

CASSANO 7 : Il cross che mette il pallone sulla testa di Balotelli al 20’ vale il prezzo del biglietto. Le iniziative del Pibe de Bari non si contano così come la sua arrabbiatura quando mette Montolivo davanti al portiere che cincischia e fallisce da ottima posizione per cercare di dribblare un difensore. GIOIELLO

(dal 13 s.t. DIAMANTI 7 : Molti  ostentano sicurezza e presunzione nell’entrare in campo. Niente di più sbagliato in un europeo. Lui non lo fa. Il giocatore del Bologna per ora non ha sbagliato quasi niente. Spirito, tecnica e follia sono tutte componenti presenti nel giocatore, ecco spiegato il suo rendimento nel torneo. ISPIRATO

BALOTELLI 8- : Verrebbe da dire “Finalmente!”. L’attaccante del City sembra essersi definitivamente sbloccato. I due gol nascono dalla sua caparbietà così come dalla sua precisione e classe. Quindi voto 8 per SuperMario. Il meno nasce dalla superficialità con la quale tocca i primi palloni della partita così come molti altri, purtroppo. IRA DI DIO

(dal 25’ s.t. DI NATALE 6- : Un voto mediocre per una prestazione altrettanto mediocre: non sbaglia molto però l’occasione persa all’81’ grida vendetta. SCIUPONE)

PRANDELLI 8+ : La squadra gioca costantemente la palla; mettiamo almeno dieci volte a partita l’uomo di fronte al portiere; la visione catenacciara del calcio italiano nel mondo è stata dimenticata. Tutti aspetti positivi del lavoro e del metodo prandelliano. Abbandonata in un cassetto la tattica della difesa ad oltranza. Unico neo del match, la gestione delle sostituzioni: ok Diamanti per Cassano, ma Thiago Motta per Montolivo perché? Il rischio di restare senza cambi con mezz’ora ancora da giocare per avere inserito un paracarro come l’ex centrocampista dell’Inter, era alto. La decisione dello staff medico di sostituire Balotelli con Di Natale, conferma la necessità di centellinare con più attenzione i minuti dei giocatori migliori.

GERMANIA (4-2-3-1): Neuer 5; J. Boateng 6+ (dal 26’ s.t. T.Muller 6+), Hummels 5,5, Badstuber 4,5, Lahm 6; Khedira 7, Schweinsteiger 6; Ozil 6,5, Kroos 6, Podolski 5,5 (dal 1’ s.t. Reus7-); Gomez 5- (dal 1’ s.t. Klose 6). A disposizione: Wiese, Zieler, Gundogan, Schmelzer, Howedes, L. Bender, Mertesacker, Schurrle, Gotze. All. Low

29 giugno 2012

Angelo Fischetti

NESSUN COMMENTO

Lascia un Commento