Calcio, chiude il mercato di riparazione: gli affari conclusi e tutti i colpi last minute

di -
0 14
Condividi su Facebook 4 Condividi su Twitter 0

La Juventus ha ufficializzato nella tarda serata di ieri l’arrivo dall’Atalanta dell’eclettico centrocampista Simone Padoin. Trasferimento, questo, che rappresenta per la capolista uno stop nell’altra trattativa calda degli ultimi giorni per portare in bianconero il mediano del Cagliari Nainggolan.

 

Troppo alte le richieste avanzate dal patron sardo Cellino, che hanno spinto il dg juventino Beppe Marotta a puntare tutto su Padoin, abbandonando anche la pista che portava a Palombo, sul quale sarebbe stato posto il veto direttamente da mister Conte.

Sul capitano della Sampdoria sarebbe così improvvisamente piombato il Milan (che tiene d’occhio anche Montolivo e Muntari, entrambi già prenotati per giugno), alla prese con una lunga serie di infortuni a centrocampo, che hanno reso necessario un intervento sul mercato.

L’ad Galliani (con il colpo Tevez sempre in canna) potrebbe inserire nella trattativa Filippo Inzaghi, che però sarebbe poco convinto dalla possibilità di scendere in B e che, in caso di addio ai colori rossoneri, preferirebbe trasferirsi a Roma, dove la Lazio è alla ricerca del sostituto di Cissè, passato ieri al Qpr. Biancocelesti che sono vicinissimi all’ingaggio del centrocampista giapponese del Cska Mosca Keisuke Honda e che non abbandonano la pista che porta allo juventino Krasic.

L’Inter, che ha prestato Coutinho all’Espanyol, ha ufficializzato l’arrivo del colombiano Fredy Guarin ed è vicina a chiudere anche con lo slovacco Kucka del Genoa: due mosse che, però, non dovrebbero aprire le porte alla cessione di Thiago Motta al Psg. La Roma, invece, puntella la mediana con il brasiliano Marquinho, preso in prestito dalla Fluminense, e cede il cileno Pizarro al Manchester City del suo vecchio estimatore Mancini.

Tra gli altri colpi di ieri da segnalare la “doppietta” del Lecce con Delvecchio dal Catania e il cavallo di ritorno Bojinov dallo Sporting Lisbona. Saluta i salentini, invece, l’uruguayano Ruben Olivera, che passa alla Fiorentina a rinforzare ulteriormente un reparto avanzato già potenziato con gli arrivi di El Hamdaoui e Amauri.

Oggi, infine, dopo Luca Toni (passato all’Al Nasr di Walter Zenga) si deciderà il futuro di altri due campioni del mondo del 2006 ormai ai margini della Juventus: Fabio Grosso, che potrebbe sbarcare nella Mls americana, e Vincenzo Iaquinta, conteso dal Cesena e dal Novara del neo tecnico Emiliano Mondonico, subentrato ieri all’esonerato Tesser.

Nicola de Mola

NESSUN COMMENTO

Lascia un Commento