Spending Review, varato il decreto di riduzione della spesa: ecco i punti salienti

by -
0 7
Condividi su Facebook 0 Condividi su Twitter 0

Durante la conferenza stampa, convocata in piena notte, il governo e il presidente del Consiglio hanno comunicato la serie di tagli prevista dal decreto. Innanzitutto il dimezzamento delle provincie. Entro la fine del 2012 dovranno scendere a 50, con in più la costituzione di 10 città metropolitane (Roma, Torino, Milano, Venezia, Genova, Bologna, Firenze, Bari, Napoli, Reggio Calabria).

Salva la Scuola e Sanità, per cui il decreto non prevede tagli. Infatti, alla fine sono saltati i tagli alle università e ai mini ospedali. Confermato, in oltre, il blocco all’incremento dell’ Iva fino al primo luglio 2013. La Pubblica Amministrazione, invece, si prepara alla riduzione di 4,5 miliardi entro il 2014, più la soppressione dell’Isvap e della Covip, enti di vigilanza rispettivamente sulle assicurazioni private e sui fondi pensione.

Nei prossimi anni, le disposizioni di  Spending Review avranno la triplice funzione di ristrutturare il quadro statale della spesa entro un quadro più razionale di programmazione, ridurre le spese indispensabili e  quindi eliminare gli eccessi.

6 luglio 2012

Pasquale Amoruso

Download PDF

NO COMMENTS

Leave a Reply