venerdì, 25 luglio 2014
Edizioni locali:

Politica

Senato, via libera al ddl lavoro: 231 voti a favore

senato_via_libera_a_ddl_lavoro
scritto da margherita_micelli
pubblicato il 31 maggio 2012, 15:11
ultimo aggiornamento
18 giugno 2012, 17:33

2 letture
Condividi
Invia a un amico
Aggiungi ai preferiti

Articoli correlati:

Oggi, in Senato sono passate al vaglio prima le questioni relative agli articoli dal 41 al 54 in merito alle tutele in costanza di rapporto di lavoro e bilateralità, poi la votazione sul quarto pacchetto della riforma dagli articoli 55 al 77 sulla maternità e paternità, lavoratori disabili, politiche attive per il lavoro e coperture del provvedimento. Ieri, l’aula si è concentrata sui primi 40 articoli riguardanti la fessibilità in entrata e in uscita, compreso art. 18 dello Statuto dei lavoratori, e gli ammortizzatori sociali.

Contrari all’approvazione della riforma sono stati i senatori dell’Italia dei Valori, con in prima linea il leader del partito Antonio Di Pietro. In aula l’ex pm si è presentato con un’immagine anti- Fornero, un segnale di divieto sovrapposto al volto del ministro del Lavoro con la scritta “esodati dai diritti”.

“Ancora una volta il governo fa pagare ai più deboli i costi della mala-politica e della mala-amministrazione, l’ingestibilità delle risorse pubbliche che troppe volte sono state usate male. Ci siamo opposti al senato ci opporremo alla Camera e nel paese”, dichiara Di Pietro.

Il presidente dei senatori del Pdl, Maurizio Gasparri, invece, è convinto che la riforma sarà approvata entro l’estate: i tempi sarebbero stati anche più brevi se il presidente della Repubblica avesse dato il via libera al decreto legge. Il premier Monti ricorda ancora come la riforma sia “di profonda struttura” e che il governo sta procedendo “non per le categorie, ma per il bene dei giovani”.

Molto critica, al contrario, Susanna Camusso, segretario generale della Cgil: ”Il disegno di legge è squilibrato – ha sottolineato – Non interviene sufficientemente nel contrasto alla precarietà, ha delle soluzioni sugli ammortizzatori che contrastano e che contrasteranno con la dimensione della crisi e con la gestione che ci sono dei problemi”.

31 maggio 2012

Margherita Micelli Ferrari

 

 

 

 

Lascia un Commento