Edizioni locali:

Gallerie

Macedonia, mega monumento ad Alessandro Magno

Macedonia, mega monumento ad Alessandro Magno
scritto da roberta_frascella
pubblicato il 21 giugno 2011, 18:30
ultimo aggiornamento
21 giugno 2011, 18:30

47 letture
Condividi
Invia a un amico
Aggiungi ai preferiti

Da quando, nei giorni scorsi, è cominciato il lavoro di montaggio della statua nel cuore di Skopje, i greci sono andati su tutte le furie: Alessandro Magno è il condottiero che i due paesi, Grecia e Macedonia, rivendicano come eroe nazionale.

Il portavoce del ministero degli esteri, Gregory Delavekouras, ha parlato di “un tentativo di usurpare la storia greca”, specificando che “l’azzardo” potrà costare caro ai vicini sul piano dei negoziati relativi al nome ufficiale da attribuire, a livello internazionale, all’ex repubblica jugoslava.

I macedoni ritengono di esserne i legittimi discendenti e, in quanto tali, si sentono autorizzati a edificare la loro identità nazionale sulla base di questo lignaggio prestigioso, nonché a chiamare il loro paese con il nome della terra da cui il celebre guerriero partì alla conquista del mondo: Macedonia, appunto.

Atene è invece dell’idea che Alessandro Magno provenisse dalla Macedonia greca (la regione settentrionale della nazione ellenica) e pretende che Skopje aggiunga un aggettivo qualificativo al nome Macedonia, così da fugare ogni dubbio.

Si narra che il giovane Alessandro, all’età di dodici anni circa manifestasse la propria straordinaria natura riuscendo a domare da solo il cavallo Bucefalo. L’animale venne comprato da un amico del padre, il generale Demarato di Corinto, probabilmente per un valore di tredici talenti, e regalato a Filippo, il quale ne fece dono al figlio. Alessandro, avendo però osservato che il cavallo era spaventato dalla propria ombra, lo mise col muso rivolto verso il sole prima di montargli in groppa. Da quel momento l’animale non si lasciò mai più montare da nessun altro uomo che non fosse Alessandro.

Bucefalo accompagnò per quasi un ventennio il suo padrone e questo legame vanne interrotto dalla morte del destriero, nel 326 a.C., durante la battaglia dell’Idaspe (che vide contrapposti i Macedoni di Alessandro all’armata di Poro, re indiano della regione del Punjab).

Alessandro III conosciuto anche come Alessandro il Grande, Alessandro il Conquistatore o Alessandro il Macedone, conquistò in soli dodici anni l’intero Impero Persiano, dall’Asia Minore all’Egitto fino agli attuali Pakistan, Afghanistan e India settentrionale.

Palma Maria Roberta Frascella

2 risposte a “Macedonia, mega monumento ad Alessandro Magno”

  1. Marcazzan Samuela scrive:

    In riferimento alla satua del “Guerriero a cavallo”, prima di scrivere la notizia vi siete informati su chi ha eseguito l’opere? Fonderia artistica Ferdinando Marinelli???? Grazie.

  2. Monica scrive:

    …Infatti!!!!
    La statua è stata costruita dalla Fonderia Artistica Guastini di Gambellara (VICENZA).
    L’ho vista personalmente nel giardino dell’azienda!

Lascia un Commento