Yemen, Terzi annuncia la liberazione di Alessandro Spadotto su Twitter: “Sta tornando a casa”

di -
0 16
Condividi su Facebook 0 Condividi su Twitter 0

Al momento non si conoscono i dettagli delle operazioni che hanno portato alla liberazione di Spadotto, catturato da uomini della tribù Al-Jalal. Secondo fonti locali, il “prezzo” di Spadotto consisteva nella cancellazione delle accuse di omicidio e banditismo che pendevano sul loro capo. Inoltre, come rivelato dal portale Marebpress, Ali Naser Huraidkan, leader della tribù avrebbe chiesto per sé l’annullamento del divieto di espatrio.

Sarebbero dunque queste le condizioni pattuite per il rilascio dell’italiano. Per il momento, non si è parlato di possibili riscatti milionari pagati ai rapitori come probabilmente avvenuto nel caso della liberazione di Rossella Urru, stando a quanto fatto sapere dal portavoce del gruppo filo-islamico che aveva fatto sparire la cooperante italiana.

Di sicuro c’è la felicità della madre di Spadotto, Marina Polesel che ha confessato di aver vissuto ieri, quando si è avuta l’ufficialità della liberazione, “la giornata più bella della mia vita”. “L’abbiamo sentito ieri sera verso mezzanotte ed è scoppiato un boato di gioia” ha rivelato la signora Polesel a Tgcom24

3 agosto 2012

Angelo Fischetti

NESSUN COMMENTO

Lascia un Commento