martedì, 29 luglio 2014
Edizioni locali:

Esteri

Da Manchester a Roma, 11enne scappa di casa e si imbarca clandestinamente: voleva vedere la Capitale

aereo_jet2
scritto da alessandra_morgese
pubblicato il 25 luglio 2012, 09:38
ultimo aggiornamento
26 luglio 2012, 09:21

3 letture
Condividi
Invia a un amico
Aggiungi ai preferiti

Articoli correlati:

Il moderno Kevin McCallister, a seguito di un litigio con i genitori per i cattivi risultati scolastici, ha indossato una t-shirt con una stampa dell’Uomo Ragno, i pantaloni di una tuta e un paio di infradito, è uscito di casa e ha preso il pullman per l’aeroporto di Manchester. Giunto al terminal Partenze, l’11enne, capelli rossi e col volto pieno di lentiggini, si è mescolato con una comitiva di studenti della sua età diretti nella Capitale per una vacanza studio. Mike è riuscito a eludere tutti i controlli di sicurezza e a salire clandestinamente a bordo del volo Manchester-Roma LS 792 della compagnia britannica Jet 2 senza mostrare alcuna carta di imbarco.

È stato solo intorno alle 17, quando l’aereo volava sui confini tra Francia e Italia, che il ragazzino è stato scoperto. Accusando i sintomi del mal d’aereo, Mike ha infatti inevitabilmente attirato l’attenzione di hostess e steward: di fronte alle domande su dove fossero i suoi genitori, l’11enne è stato costretto a confessare che non aveva “nessun biglietto aereo” e che voleva “solo vedere Roma”.

A questo punto, messo al corrente della presenza di un ‘clandestino’ a bordo, il comandante ha provveduto immediatamente a contattare la torre di controllo di Fiumicino e ad allertare, di conseguenza, la polizia di frontiera. Intanto, dall’altra parte della Manica i genitori di Mike, non trovandolo in casa, ne avevano denunciato la scomparsa alle autorità locali.

Alle 17:48, una volta atterrato l’aereo al “Leonardo da Vinci”, l’11enne è stato dunque preso in consegna dagli agenti, ascoltato per ricostruire la sua incredibile storia, rifocillato e tempestivamente reimbarcato sul primo volo utile per Manchester, alle 20:10, perché potesse riabbracciare la sua famiglia.

25 luglio 2012

Alessandra Morgese

Lascia un Commento